Aleppo est, appello congiunto dei leader occidentali per il cessate il fuoco immediato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:13

“Cessate il fuoco immediato ad Aleppo est“. L’appello arriva dai leader di Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Stati Uniti e Canada che in una dichiarazione congiunta sottolineano “l’urgente necessità adesso di un immediato cessate il fuoco per permettere alle Nazioni Unite di portare assistenza umanitaria alla popolazione di Aleppo est e di fornire soccorsi umanitari a quello che stanno fuggendo”. L’opposizione, spiegano, “ha accettato il piano in quattro punti dell’Onu per Aleppo e anche il regime deve farlo e lo deve fare con urgenza per alleviare l’atroce situazione ad Aleppo”. Poi la richiesta a Russia e Iran affinché “usino la loro influenza per far sì che questo accada”.

I sei Paesi denunciano infine “il disastro umanitario che sta avvenendo sotto i nostro occhi: circa 200mila civili, tra cui molti bambini, ad Aleppo est non hanno cibo e medicinali, Aleppo è soggetta a bombardamenti e attacchi di artiglieria quotidiani da parte del regime siriano, sostenuto da Russia e Iran”. “Non vengono risparmiati scuole e ospedali – prosegue la dichiarazione – Anzi, sembrano essere l’obiettivo di attacchi in un tentativo di sfinire la popolazione. Le immagini dei bambini che muoiono spezzano il cuore”.

Vengono poi condannate le “azioni del regime siriano e dei suoi sostenitori stranieri, in special modo la Russia per il blocco agli aiuti umanitari e condanniamo fortemente gli attacchi del regime siriano che hanno devastato strutture civili e mediche e usano barili bomba e armi chimiche”.

I leader minacciano inoltre nuove sanzioni contro il regime di Damasco. “Invitiamo tutte le parti in Siria a rispettare il diritto umanitario internazionale, compresa la Convenzione di Ginevra”, si legge in una dichiarazione congiunta dei sei Paesi, nella quale si ricorda che il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha parlato di “crimini di guerra commessi in Siria”. “Non ci deve essere impunità per i responsabili – scandiscono i leader – Chiediamo all’Onu di indagare” sulle notizie in proposito e “di raccogliere le prove perché coloro i quali commettono crimini di guerra siano ritenuti responsabili. Siamo pronti a considerare misure restrittive aggiuntive contro individui ed entità che agiscono per o per conto del regime siriano”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.