Abadi: “Stop di 24 ore agli scontri con i Peshmerga”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

Haidar al Abadi, premier iracheno, nella serata di venerdì ha ordinato la sospensione per 24 ore delle operazioni militari contro i Peshmerga curdi. La tregua, nelle intenzioni del capo del governo di Baghdad, deve portare ad un accordo sul terreno con i curdi per consentire alle forze del governo centrale di prendere il controllo delle aree contese ancora in mano ai Peshmerga e anche dei posti di confine tra la regione autonoma del Kurdistan e i Paesi vicini, compreso il valico di Fish Khabur, per il quale le due parti stavano combattendo. L’ufficio del primo ministro ha smentito voci circolate precedentemente su un cessate il fuoco ufficiale e duraturo tra i curdi e i governativi.

“La sospensione di 24 ore – si legge in un comunicato diffuso dall’ufficio del primo ministro – è stata decisa per preparare il terreno al lavoro di una commissione tecnica congiunta delle forze federali e regionali (curde) per schierare le forze federali in tutte le aree contese, l’area di Fish Khabur e tutti i confini internazionali“. “La decisione – si aggiunge nella nota – è presa per prevenire ogni combattimento e spargimento di sangue di cittadini dello stesso Paese”.

La settimana scorsa le forze di Baghdad, appoggiate dalle milizie lealiste a maggioranza sciita degli Hashid Shaabi, hanno ripreso il controllo di gran parte delle aree contese che erano occupate dai Peshmerga curdi fin dal 2014, compresa la provincia di Kirkuk ricca di petrolio. Successivamente il governo di Abadi ha ordinato ai curdi di cedere il controllo di tutti i valichi di confine situati nella regione autonoma.

Nelle scorse ore la Coalizione a guida Usa aveva diffuso la notizia (poi rettificata) del raggiungimento di un accordo per la tregua nel nord-ovest dell’Iraq tra forze federali di Baghdad e miliziani curdi Peshmerg. Il portavoce, Ryan Dillon, aveva detto che la Coalizione era stata informata del cessate il fuoco e stava incoraggiando le parti a fare in modo che “non sia solo temporanea”. Successivamente lo stesso Dillon si è auto-smentito: “Ho detto in modo non corretto che c’era un cessate il fuoco. Le parti si stanno parlando ma non c’è nessuna tregua ufficiale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.