Dl Rilancio: verso il rinvio in commissione bilancio?

Nel mirino dei tecnici alcuni emendamenti per circa 100 milioni di euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:39
dl rilancio

Potrebbe tornare in commissione bilancio il dl Rilancio. Il provvedimento è in discussione da questa mattina all’aula di Montecitorio, ma a causa di alcune criticità sul fronte coperture, come riportato dall’Ansa che cita fonti parlamentari, dovrebbe tornare in commissione bilancio. Il nodo sarebbero alcuni emendamenti su cui ci sono delle perplessità che riguarderebbero la sospensione dei mutui e il Sud. In tutto sarebbero circa 100 milioni ad essere finiti nel mirino dei tecnici.

L’esame dell’Aula

L’Aula della Camera ha iniziato l’esame, con gli interventi dei relatori, la discussione generale sul decreto legge Rilancio, intorno alle 10 di questa mattina. In un primo momento si prevedeva che, nel pomeriggio, il governo avrebbe posto la fiducia sul provvedimento, in modo da farlo licenziare entro mercoledì in modo da inviarlo al Senato, ma poi è arrivato il presunto stop.

Confedilizia: pietra tombale su mercato affitti

“Oggi l’Aula della Camera inizia ad esaminare il decreto rilancio. In Commissione è stata introdotta una norma che rappresenta la pietra tombale sull’affitto in Italia, con conseguenze nefaste su accesso all’abilitazione e sviluppo delle attività commerciali. Chi può intervenga”. E’ il messaggio che Confedilizia ha affidato a Twitter riferendosi al blocco generalizzato degli sfratti fino al 31 dicembre, introdotto dalla Commissione bilancio della Camera durante l’iter parlamentare del testo. Si tratta, afferma l’associazione dei proprietari, di una disposizione  che “impone ai proprietari, senza alcuna forma di indennizzo, di farsi carico di situazioni di morosità e di finita locazione che nulla hanno a che fare con la pandemia e decise da tempo con sentenza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.