Trovato il primo in Folio di Shakespeare nella biblioteca francese di Saint-Omer

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:41

Un’importante scoperta è stata fatta nella biblioteca francese di Saint-Omer. Rémy Cordonnier – esperto di letteratura medievale – era alla ricerca di materiale per una mostra su degli autori anglo-sassoni quando si è imbattuto nel primo e rarissimo in Folio di Shakespeare. Si tratta infatti dell’unico esemplare – dei 230 stampati all’epoca – ed era stato catalogato erroneamente .

Fa parte della prima edizione del tomo, è stato stampato nel 1623 con il titolo “Mr William Shakespeares (sic) Comedies, Histories, & Tragedies”, mancano la copertina e circa trenta pagine, ma ai suoi margini ci sono delle note scritte a mano che secondo gli esperti potrebbero essere delle indicazioni per la regia dell’Enrico IV. “All’inizio – spiega Cordonnier in una intervista Guardian – pensavo fosse un’edizione successiva, del Settecento, solo più tardi mi sono accorto del suo valore”.

A seguito dell’incredibile scoperta è stato contattato uno dei maggiori esperti di Shakespeare, Eric Rasmussed docente della University of Nevada di Reno, il quale ha portato avanti le pratiche per autenticare il volume. A quanto sembra però il prezioso tomo non sarà disponibile al pubblico nella sua forma materiale, ma verrà scansionato e caricato nel sito web della biblioteca dove, tutti gli appassionati di Shakespeare potranno consultarlo nella sua versione digitale e sarà messo a disposizione di musei e biblioteche.

Il valore del primo in Folio è stimato tra i 2,5 e 5 milioni di euro. Secondo le supposizioni degli esperti, il libro sarebbe arrivato in Francia in seguito alla fuga degli inglesi cattolici che lasciavano l’Inghilterra a causa delle persecuzioni degli anglicani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.