Torna il successo di “Body Worlds” a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18

È stata inaugurata da poche settimane a Roma la nuova esposizione di Body Worlds, dedicata al ciclo della vita. In questo primo periodo sono stati oltre 20.000 i visitatori, oltre 5000 i ragazzi accompagnati dalle loro scuole che hanno avuto la possibilità di osservare in maniera diretta le affascinanti trasformazioni dell’anatomia umana e delle stagioni della vita. Molti personaggi del mondo artistico italiano hanno visitato la mostra tra cui Anna Falchi, Albano, Max Giusti, Stefania Orlando, Roberto Farnesi e Rossella Brescia.

Grande soddisfazione degli organizzatori, in particolare del curatore italiano Fabio di Gioia “la Mostra ha mantenuto un trend sempre crescente e questo testimonia della prima caratteristica dell’esposizione che è di emozionare profondamente con un viaggio dal vero all’interno di noi stessi”. BODY WORLDS, per il periodo natalizio, estende i suoi orari e quindi sarà possibile visitare la mostra anche di domenica sera. Dal 30 novembre e per quattro settimane (fino al 21 dicembre compreso), la mostra sarà aperta fino alle ore 23.

Inoltre Body Worlds ha dato il via ad alcune attività aperte grazie al progetto Transcorpus curato da Olga Bachschmidt: fino al 15 febbraio sarà possibile prendere parte a workshop, laboratori, conferenze e incontri sul tema del corpo e sulla sua rappresentazione attraverso diverse forme di espressione artistica. Nell’ambito del progetto, un gruppo di studenti dell’Accademia delle Belle Arti porterà avanti la proposta “libro di artista”: i ragazzi dovranno elaborare un loro diario di viaggio sul tema “corpo”. Inoltre nel mese di dicembre Body Worlds tornerà a collaborare con Telethon per la consueta raccolta di fondi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.