Sulle tracce dei ghiacciai. La mostra fotografica al Pigorini di Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:19

L’associazione culturale Stilelibero e l’Associazione no-profit Macromicro inaugureranno sabato 13 presso il Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” di Roma, una mostra fotografica dal titolo “Sulle tracce dei ghiacciai”. Si tratta di un progetto fotografico e scientifico di Fabiano Ventura – fotografo e alpinista – che ha documentato gli effetti del riscaldamento globale e dei conseguenti cambiamenti climatici sui ghiacciai in Alaska, Caucaso e Karakorum negli ultimi 100 anni. Le foto di Ventura verranno messe a confronto con quelle scattate da altri celebri esploratori che prima di lui si recarono negli stessi luoghi.

Ghiacciaio dopo ghiacciaio Ventura ripropone gli stessi scatti di Vittoria sella, Massimo Terzano, Ardito Desio, Mor Von Dechy e willim Osggo Field,  e il loro accostamento permetterà a tutti quelli che si recheranno alla mostra, di vedere come in “soli” 100 anni il nostro pianeta si sia modificato. Nella mostra saranno a disposizione dei visitatori anche delle istallazioni video di Paolo Scoppola. Il pubblico potrà ingrandire le immagini per scorgere alcuni particolari o sovrapporre le immagini per confrontarle meglio con quelle più storiche.

L’evento prevede anche la proiezione di tre documentari delle spedizioni. Il primo verrà presentato sabato 10 gennaio e mostrerà i spettacolari paesaggi in Karakorum, poi il 24 gennaio si potranno ammirare gli scorci del Caucaso e per finire, sabato 7 febbraio toccherà al documentario sull’Alaska. A seguito delle proiezioni sono previste delle conferenze stampa con i registi Massimiliano Sbrolla, Marco Preti, Tommaso Valente. Saranno presenti anche i ricercatori e l’ideatore del progetto fabiano Ventura.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.