Siglato accordo per il recupero degli ex Giardini Reali a Venezia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:18

I Giardini Reali in piazza San Marco torneranno al loro splendore, arricchendo ulteriormente la città di Venezia. I lavori inizieranno dal prossimo anno e oltre agli spazi verdi, saranno restaurati anche il pergolato, il ponte levatoio, i vari cancelli, le balaustre, mentre verranno demoliti fabbricati pericolanti, la muratura di ingresso agli ex bagni e verranno rimosse le fontane e fioriere in cemento e i carri per la raccolta dei rifiuti. Verrà costruita una serra e nel padiglione Santi sarà ricavato uno spazio da adibire a coffee house.

Il protocollo d’Intesa per il restauro dei Giardini Reali di Venezia è stato firmato dal Comune della città lagunare e dalla Venice Gardens Foundation, la quale supporterà i lavori con quasi 4 milioni di euro. In cambio la Onlus gestirà per 19 anni le attività di studio – saranno sviluppate attività di ricerca in collaborazione con i Musei Civici, scuole, università ed enti internazionali, soprattutto puntate sulla riduzione dei consumi energetici e alla gestioni dei beni paesaggistici – la coffe house e la nuova serra. Inoltre Venice Gardens Onlus, creerà una linea di articoli da giardino e si occuperà della manutenzione dei 6 mila metri quadri di giardino oltre che degli altri spazi verdi della città.

“E’ un giorno bellissimo per Venezia. Un miracolo, nato da una volontà comune di restituire alla città i suoi Giardini Reali – ha dichiarato il commissario straordinario del Comune di Venezia Vittorio Zappalorto – Per riportare i Giardini Reali al loro originario splendore condannati oramai da alcuni decenni a un forte stato di degrado, hanno operato assieme in un circuito virtuoso, Enti pubblici tra cui l’Amministrazione comunale veneziana, la Sovrintendenza, il Demanio, e la Fondazione Venice Gardens onlus (organizzazione non a scopo di lucro) che attraverso il sostegno di mecenati sopporterà i lavori con un investimento economico di 3 milioni 800mila euro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.