Rolling Stones in lutto: è morto il sassofonista Bobby Keys

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Bobby Keys, sassofonista dei Rolling Stones, è morto ieri 2 dicembre nella sua casa di Franklin, nel Tennessee. Nato in Texas nel 1943, Robert Henry Keys ha rappresentato la storia della band accompagnandola dagli esordi fino alla recente data italiana che ha visto il Circo Massimo trasformarsi in un’arena rock. Il primo brano che il sassofonista registrò con Jagger e soci fu “Live with me” ed in seguito alle registrazioni della canzone il gruppo decise di sceglierlo come membro effettivo del gruppo. La malattia e il suo peggioramento hanno costretto l’artista a rinunciare alla tappa australiana del 16 ottobre. “Non è un gran periodo per lui, e i dottori gli hanno ordinato di prendersela con calma per un po’ di tempo, spera di vedervi presto” avevano detto gli altri componenti del gruppo.

Ricordato dal pubblico per i suoi unici assoli di sax, come quello di “Brown Sugar” e amato dai suoi compagni che sono stati i primi a dare la notizia. “I Rolling Stones sono devastati dalla perdita del loro caro amico e leggendario sassofonista, Bobby Keys. Bobby ha dato un contributo musicale unico per la band dal 1960. Ci mancherà molto.” Keith Richard in particolare lo ricorda come il suo musicista preferito: “Ho perso il più grande amico del mondo, e non posso esprimere il senso di tristezza che sento, anche se Bobby mi direbbe di tirarmi su” ha scritto il chitarrista.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.