Reggia di Caserta, aperture straordinarie: 1 novembre, 27 dicembre e 3 gennaio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 3:07

Porte aperte alla reggia il 1 novembre. La direzione della Reggia di Caserta ha infatti disposto l’apertura straordinaria del Museo nei martedì che cadono nei ponti festivi di inizio novembre, Natale e Capodanno. La decisione di tenere aperto il Palazzo Borbonico nei giorni di chiusura settimanale è stata presa, spiega una nota dell’ufficio stampa della Reggia, “per venire incontro alle esigenze dei numerosi turisti che sceglieranno di visitare il Monumento nei ponti festivi”. Nello specifico, l’apertura è prevista per le giornate di martedì primo novembre, 27 dicembre e 3 gennaio.

La reggia – la residenza reale più grande al mondo patrimonio culturale Unesco dal 1997 – vanta anche un record di presenze turistiche: nel 2015, con un totale di 497.158 visitatori, è stato il quattordicesimo sito museale statale italiano più visitato, per un introito lordo di 2.739.600,67 euro. La residenza borbonica fu abitata per un breve periodo anche dai Murat.

Fino a tutto dicembre, inoltre, presso la Cappella Palatina della Reggia è possibile partecipare alla XXII edizione dell’Autunno Musicale, a cura dell’Associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di Caserta. Nelle “Matinèe alla Reggia” saranno proposti brani del classicismo musicale delle capitali europee del ‘700 – Parigi, Mannheim, Praga e Vienna e Napoli con brani di Mozart e Haydn e dei loro contemporanei Carl Stamitz, Franz Anton Hoffmeister e Leopold Kozeluh, e del ’700 napoletano. La manifestazione si concluderà sabato 26 dicembre con il tradizionale “Concerto per un giorno di festa” con musiche del ‘700 napoletano.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.