PRATO OSPITA LA “SYNCHRONICITY” DELL’ARTE DA LIPPI A WARHOL

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:45

Dal 25 settembre 2015 al 10 gennaio 2016, il museo di Palazzo Pretorio di prato ospiterà “Synchronicity”. Artisti contemporanei, da Lippi a Warhol, in un progetto espositivo ideato da Stefano Pezzato, che ne è anche il curatore, con l’allestimento di Francesco Procopio. Nella sua splendida sede rinnovata, il Museo di Palazzo Pretorio accoglierà alcune fra le ricerche artistiche più significative dal secondo dopoguerra, inserendole all’interno del suo percorso storico-artistico.

Marcel Duchamp e Andy Warhol, Daniel Spoerrie Michelangelo Pistoletto, Matthew Barney e Vanessa Beecroft, sono solo alcuni dei grandi artisti che troveranno posto accanto a Lippi e Donatello, pale rinascimentali e tavole tardogotiche, fino ad arrivare alle opere dell’ottocento e del novecento, inserendosi cronologicamente proprio là dove terminano le raccolte civiche di Prato, assieme alla considerevole donazione dei gessi di Jacques Lipchitz.

Questo progetto rilancia la vocazione a promuovere l’arte contemporanea che si è sviluppata in questa parte della Toscana (Prato, Pistoia. Firenze) negli ultimi decenni. Le opere contemporanee, selezionate da Stefano Pezzato, sono oltre trenta e dal loro incontro con quelle del percorso museale emergeranno combinazioni in grado di aggiornare i piani espositivi e di riconfigurare il museo in una dimensione di confronto fra il passato e il presente. La presenza di opere video e installazioni, articolate fra le collezioni del museo, provocherà un coinvolgimento ambientale con alcune sale del Palazzo, mentre sala per sala si presenteranno innesti contemporanei fra composizioni tematiche di opere antiche e moderne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.