Londra ricorda Bowie: immagini e show a 2 anni dalla morte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50

Un omaggio per immagini al Duca Bianco a quasi due anni dalla sua morte. S’intitola ‘David Bowie Tribute’ la nuova mostra fotografica aperta al pubblico a Londra da oggi 22 settembre fino al 7 novembre negli spazi di Fiat Chrysler Motor Village UK. Organizzata per iniziativa di Monica Colussi, promotrice italiana di altri eventi culturali recenti di successo nella capitale britannica, allinea maestri dell’obiettivo come Rankin, Gavin Evans, Neil Libbert e altri, riproponendo per flash le tante maschere di Bowie care al cuore dei fan. E “le molte cose” che egli ha rappresentato negli anni – fra musica, stile eccentrico, creatività – “per molte persone”.

Maschera dai mille volti

Un occhio bendato, un volto tirato pallido, una freccia, una presenza androgina, un rosso fulmine o due rosse labbra, un terzo dorato occhio che si apre e rivela che tutto ciò che può essere è, in successione o in contemporanea, così sopra e così sotto. Questo è stato David Bowie (Londra, 8 gennaio 1947 – New York, 10 gennaio 2016) dallo sbarco sulla Luna fino al passaggio al Terzo Millennio, lo è stato per i suoi contemporanei ma continua ad esserlo per le nuove generazioni.

Il tributo

Il tentativo del ‘David Bowie Tribute’, spiega la curatrice Colussi all’Ansa, è quello di fissare in qualche modo il lascito di un artista per molti versi “enigmatico”, e di una figura talora “eterea”, che tuttavia ha saputo influenzare la cultura contemporanea. Nella capitale britannica ci saranno anche una serie di show e appuntamenti culturali che accompagneranno l’esibizione.

In Italia

Anche l’Italia non dimentica il grande artista. Domani 23 settembre ore 22,00 al Joy di Milano ci sarà un “Blackstar Day” (raduno dei fan italiani) organizzato da DB Blackstar un concerto con Andrea Cimenti e Nicoletta Noè.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.