Lo Stato compra il Museo Ginori della Manifattura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:42

Lo Stato italiano ha acquistato il Museo Richard Ginori della Manifattura. Il più antico museo di impresa in Europa, ubicato a Doccia di Sesto Fiorentino (Fi) è stato acquistato per 700mila euro dal ministero di beni culturali e turismo. Entro 120 giorni inoltre il Mibact prenderà possesso anche delle preziose collezioni del museo grazie legge che prevede la possibilità di pagare le tasse con opere d'arte.

Franceschini: “Impegno mantenuto”

Il salvataggio del Museo, attualmente in stato di abbandono, è uno dei tasselli del progetto di rilancio dell'azienda, che dopo il fallimento del 2013 è stata rilevata dal gruppo Kering tramite Gucci. 

“E' un impegno mantenuto, salvata una collezione eccezionale, che è parte fondamentale del patrimonio italiano”, commenta oggi il ministro del Mibact Dario Franceschini su Ansa. Il museo Ginori verrà affidato ora al Polo museale della Toscana ed “entrerà – assicura Franceschini – a pieno titolo nel sistema nazionale dei musei che si occuperà della sua tutela e della sua valorizzazione”.

Lo stabile, fanno notare dal ministero, è stato comprato alla fine ad un prezzo più basso rispetto alle stime fatte in precedenza dal demanio e dal tribunale. Le due aste – poi andate deserte – indette dal tribunale fiorentino nel giugno 2016 e nel febbraio di quest'anno avevano infatti fissato la base rispettivamente a 7 e 4,3 milioni di euro.

Porcellane di pregio

Sin dai primi anni di attività, il marchese Carlo Ginori (Firenze, 7 gennaio 1702 – Livorno, 11 aprile 1757) noto per aver dato origine alla Manifattura della porcellana di Doccia, destinò alcuni locali al pianterreno della villa Ginori di Doccia per la raccolta di modelli, ceramiche e terre, formatasi nel primo periodo di vita della fabbrica. A questo scopo, nel 1754 fu creata un'apposita Galleria in cui esporre i migliori prodotti migliori realizzati.

La collezione museale comprende più di diecimila tra ceramiche e modelli. Fra le opere più significative, la Venere dei Medici che riproduce la statua della Tribuna della Galleria degli Uffizi, e il Camino coronato dalle riduzioni delle Ore del Giorno e della Notte delle tombe medicee di Michelangelo. Splendidi anche i pezzi disegnati da Giò Ponti (circa 400), in un percorso che arriva fino al servizio di bordo “Linea 72” disegnato da Joe Colombo per Alitalia.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.