L’INIZIATIVA DEL PONTEFICE: I CLOCHARD OSPITI NELLA CAPPELLA SISTINA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:27

I clochard che gravitano nella zona del Vaticano potranno ammirare le opere presenti nei Musei Vaticani e nella Cappella Sistina. E’ la nuova iniziativa di Papa Francesco organizzata per giovedì 26 marzo dall’Elemosineria apostolica, guidata dall’arcivescovo polacco Konrad Krajewski. L’attenzione del Santo Padre per i più poveri si concretizza così in un nuovo progetto dopo le numerose donazioni in denaro e in oggetti di uso quotidiano donati ai clochard, l’apertura delle docce e del salone di barberia, il coinvolgimento dei senzatetto nella distribuzione ai fedeli dei Vangeli e dei libretti di preghiere in piazza San Pietro. L’obiettivo è quello di ridare “dignità” alle persone che vivono ai margini della società permettendo loro di godere di bellezze artistiche incomparabili, tra cui le Stanze Vaticane di Raffaello o la Sistina affrescata da Michelangelo.

Gli ospiti faranno il loro ingresso in Vaticano divisi in tre gruppi, ciascuno affidato a una guida, e riceveranno gli auricolari per ascoltare le spiegazioni. Prima di arrivare ai Musei passeranno davanti alla Casa Santa Marta, proseguendo dietro l’abside della basilica di San Pietro, poi attraverso il piazzale della Zecca, lo stradone dei Giardini e il Cancello di Gregorio. I visitatori, attraverso la Scala Simonetti, accederanno alle gallerie superiori fino a che giungeranno alla Cappella Sistina. Il capolavoro di Michelangelo sarà uno spettacolo riservato esclusivamente agli ospiti dell’Elemosineria: per l’occasione, infatti, la chiusura al pubblico sarà anticipata. Il gruppo, dopo un momento di preghiera, sarà infine accompagnato nel posto di ristoro dove verrà offerta la cena.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.