“La Trama degli Sguardi”: al via la caccia al tesoro al museo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

Il museo si tinge di…giallo! Giovedì 30 agosto si svolgerà presso la Galleria Nazionale delle Marche di Urbino l’attesa caccia al tesoro intitolata “La Trama degli Sguardi”.

Giunta alla sua quinta edizione, la manifestazione si basa su una formula ben collaudata: i partecipanti, divisi in squadre, sono invitati a rintracciare nelle opere, nelle architetture e nelle splendide decorazioni del Palazzo Ducale, specifici dettagli d’arte al fine di arrivare a decifrare il nome della stanza segreta dove è nascosto il traguardo.

Presenti inotre i fantasmi di oscuri cortigiani in abito rinascimentale, che nel Palazzo di Federico da Montefeltro (all’ombra della grande pittura di Raffaello, Tiziano, Piero della Francesca, Paolo Uccello) si lasceranno corrompere per qualche moneta per aiutare i visitatori nella loro ricerca.

La Trama degli sguardi nasce dalla collaborazione della Galleria Nazionale delle Marche con l’associazione Caccia al Teshorror: “Alla base delle nostre attività c’è sempre il desiderio di coniugare cultura e divertimento, l’idea di un apprendimento attraverso il coinvolgimento”, afferma il vice presidente dell’associazione Tiziano Mancini. “Dopo una bellissima cena tardo medievale nel cortile d’onore del Palazzo Ducale, ci cimentiamo in una gara innovativa, che mette insieme la conoscenza del Palazzo con i dettagli dei capolavori della Galleria Nazionale”. 

La caccia è un'occasione per guardare i dipinti da punti di vista inediti, per scoprire storie e particolari di grande interesse anche nelle opere meno note e “trasmettere il cuore del patrimonio culturale delle Marche in una maniera diversa: giocando”, come ha spiegato il direttore di Palazzo Ducale Peter Aufreiter su Arte.it. Il costo di partecipazione all’iniziativa è incluso nel biglietto di ingresso al museo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.