La mostra su Renato Zero apre le porte ai bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Fino al 22 marzo sarà possibile ammirare la mostra “Zero”, infatti  presso il centro di produzione culturale la Pelanda di Roma verranno omaggiati i 40 anni di carriera e di storia personale di Renato Zero. I visitatori del centro potranno ripercorrere attraverso copertine, interviste, locandine, disegni per costumi e vestiti di scena, appunti, dischi, manifesti, demo e video tutta la carriera del re dei sorcini. Inoltre nella mostra è stato previsto uno spazio dedicato ai più piccoli. Durante i fine settimana e il 6 gennaio 2015 si terrà “Metti le ali bambino”: in pratica un laboratorio dove tutti i bambini potranno dare spazio alla loro fantasia e liberare la loro espressione artistica.

Il laboratorio sarà suddiviso in tre momenti, uno teatrale con giochi, esercizi e azioni sceniche; uno immaginifico dove i bimbi potranno lavorare su una lavagna luminosa grazie alla quale potranno essere proiettate le “opere”, create direttamente dai bambini che avranno a loro disposizione sabbia, tempera, acqua, tempere, foglie di alberi e legumi. Il terzo momento sarà dedicato alla storia “Il Natale delle Pulcette” che verrà raccontata grazie all’accompagnamento della canzone Buon Natale di Renato Zero.

“Un’ occasione unica per vivere come mai prima d’ora la sua magnifica favola, toccando con mano il suo pianeta, i suoi travestimenti, i suoi segreti, le sue parole. Perché ognuno di noi possa essere il re di una notte di magia”. Sono queste le parole con cui viene descritta l’esposizione che è stata ideata e curata da Simone Veneziano, prodotta da Tattica e la direzione artistica e i testi sono a cura di Vincenzo Incenzo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.