LA FRANCIA APRE ALLE SUE MERAVIGLIE: LOUVRE, VERSAILLES E ORSAY VISITABILI TUTTI I GIORNI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Il presidente francese Hollande ha annunciato che a partire da questo autunno, i tre musei più visitati di Parigi, cioè il Louvre, il Musée d’Orsay e la residenza reale di Versailles, saranno aperti sette giorni su sette. “Il giorno in cui finora c’era la chiusura al pubblico, il lunedì o il martedì, sarà il giorno delle scolaresche, per offrire alla gioventù di Francia tutte le condizioni per imparare, meravigliarsi ed emozionarsi”, ha spiegato il presidente, che aveva già auspicato l’apertura continuata dei tre grandi musei lo scorso anno, in occasione dell’apertura del nuovo Museo Picasso.

Il museo del Louvre è uno dei più celebri musei del mondo, ed il primo per numero di visitatori: ben 8,8 milioni l’anno. Il museo prende il nome dal palazzo che lo ospita. Originariamente era una fortezza, fatta costruire verso la fine del XII secolo d.C. da Filippo II. Successivamente fu la sede della corte reale fino al 1682, quando Luigi XIV decise di trasferirsi nella Reggia di Versailles, che rimase la sede formale della monarchia fino al 1789. Il museo ospita numerosi capolavori dell’arte rinascimentale italiana, sculture e tele provenienti da ogni parte del mondo.

Il Museo d’Orsay di Parigi, è celebre per i numerosi capolavori impressionisti e post-impressionisti esposti al suo interno. Si trova di fronte al Louvre, in una ex-stazione ferroviaria, costruita in stile eclettico alla fine del XIX secolo. Espone opere d’arte create tra il 1848 e il 1914 e le sue collezioni comprendono pitture, sculture, oggetti d’arti decorative, fotografie, medaglie, disegni e stampe.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.