Jacques Jaujard: un insolito eroe, salvò i tesori del Louvre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Jacques Jaujard è uno dei tanti sconosciuti eroi della Guerra Mondiale, salvò i capolavori del Louvre dalla mani di Adolf Hitler e di Hermann Goring. Accadeva il 25 agosto del 1939, pochi giorni prima dello scoppio del grande conflitto, quando Jaujard fece appendere un cartello all’ingresso del museo in cui avvisava i visitatori che la struttura sarebbe rimasta chiusa per alcuni “lavori urgenti”.

La geniale trovata permise l’inizio di una delle più grandi opere di salvataggio della storia: le porte d’ingresso vennero sbarrate, decine di volontari tra cui professori, uscieri, studenti dell’Accademia si prestarono all’imballaggio di tutte le opere del Louvre che in pochi giorni vennero trasferite presso i castelli della Loira o nascoste in anonimi paesi di campagna, lontani dagli obiettivi di Hitler.

France 3, un canale della televisione nazionale, ha deciso di celebrare l’insolito eroe con un documentario che racconta le gesta di Jacques Jaujard che durante il conflitto si impegnò a spostare di castello in castello i tesori del museo. Ad aiutarlo centinaia di custodi, facchini e studenti che al termine dell’operazione segreta avevano accumulato 1862 casse di legno che al loro interno celavano le più preziose opere. Tra le più difficili da imballare ci fu il celebre quadro “Le nozze di Cana” del Veronese (6,6 metri per 9,9 di altezza) e che venne arrotolato attorno ad un cilindro e racchiuso dentro un altro.

Per eseguire i trasporti nel minor tempo possibile, furono utilizzati 203 camion diretti nei castelli parigini, i cui proprietari si fecero carico di grandi responsabilità per custodirli. Nei diari di Jaujard si legge la preziosa collaborazione con il conte Franz Wolf Mettenrich, che Hitler designò come supervisore delle opere d’arti francesi. L’uomo non nascose il suo sollievo quando arrivò per la prima volta al Louvre che trovò vuoto. Mettenrich, come molti aristocratici tedeschi, non era nazista e fin quando ha potuto aiutò il vice direttore del museo a compiere la sua opera di salvataggio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.