“INCANTO DELLA FOTOGRAFIA”, A ROMA LE COLLEZIONI DI NEGRO E CIANFRANI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

“Incanto della fotografia” è l’esposizione dedicata alle collezioni su Silvio Negro e Valerio Cianfrani che si sta svolgendo al Museo di Roma di Palazzo Braschi. Il legame dei due collezionisti con la struttura capitolina nasce nel 1953, in occasione dell’allestimento della “Mostra della fotografia a Roma dal 1840 al 1911”, che segnò l’inizio di una riflessione storica e critica sulla fotografia romana del XIX secolo e alla quale parteciparono come curatori e prestatori. La mostra offre l’occasione di mostrare al pubblico una parte delle ricche collezioni di Silvio Negro (1897 – 1959), giornalista, scrittore e storico della fotografia, e dell’archeologo Valerio Cianfarani (1912 – 1977), che fu soprintendente alle antichità dell’Abruzzo e Molise, entrambe acquistate per l’Archivio Fotografico del Museo di Roma rispettivamente nel 2003 e nel 2005. L’esposizione è promossa dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con la cura scientifica di Anita Margiotta.

Accanto alle immagini degli anni 1850 – 1870, che documentano la nascita e il diffondersi della fotografia a Roma, tra le circa 90 opere esposte, appaiono ritratti, vedute di luoghi lontani, fra le quali splendide immagini di Istanbul nella seconda metà del XIX secolo. Con il passare degli anni al nucleo iniziale della raccolta Negro, si sono unite fotografie legate alla sua attività professionale. Dal 1926 fu giornalista del Corriere della Sera prima a Milano e poi a Roma. Per questo motivo una sezione della mostra prevede l’esposizione di fotografie di agenzie di stampa italiane e estere con le relative veline, su numerosi avvenimenti e fatti di cronaca dei difficili anni a cavallo della Seconda guerra mondiale. In occasione della mostra saranno visitabili i nuovi depositi per la conservazione delle antiche fotografie e dei negativi storici su lastra in vetro, posti al piano di sopra dei locali della mostra. Inoltre, sarà proiettato in mostra un breve filmato sulla Roma della fine degli anni ’40 dell’istituto Luce.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.