Il mondo raccontanto per immagini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:52

Si rinnova anche quest'anno il World Press Photo, il più grande concorso di fotogiornalismo del mondo. L'esposizione, allestita in un centinaio di sedi in 45 Paesi, farà tappa a Bari dal 12 al 27 aprile. La novità di quest'annoè l'annuncio dei finalisti. L'Associaizone olandese organizzatrice del contest, giunto alla 61ma edizione, infatti, per la prima volta ha presentato tutti i finalisti e non direttamente i vincitori, cosa che invece accadeva negli anni passati. Il vincitore sarà annunciato il prossimo 12 aprile in un'apposita cerimonia ad Amsterdam. 

Le foto dei finalisti

Sono cinque i reporter finalisti per sei foto: Ivor Prickett (Panos Pictures, per il New York Times) partecipa con due fotografie, entrambe sulla battaglia di Mosul;

Patrick Brown (Panos Pictures, per Unicef) con una foto sulla crisi dei rohingya;

Adam Ferguson (New York Times) con il ritratto di una sopravvissuta a Boko Haram;

Toby Melville (Reuters) con una foto dopo l'attentato sul ponte di Westminster a Londra;

Ronaldo Schemidt (Afp) con la foto di un ragazzo che prende fuoco durante le proteste contro Nicolas Maduro in Venezuela.

Il Wpp

Come sempre la maggior parte delle immagini raccontano i grandi eventi dell'anno passato: la crisi dei rohingya, dei migranti e del Venezuela; la battaglia di Mosul; la Corea del Nord; Charlottesville e la sparatoria di Las Vegas. A Bari saranno esposte le 150 immagini vincitrici del contest di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955, e selezionate da una giuria internazionale presieduta da Magdalena Herrera, direttrice della fotografia a Geo France. Durante la mostra World Press Photo a Bari saranno presenti fotoreporter di fama internazionale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.