Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:17

Prendete un senzatetto che si apposta su una panchina per passare la notte, allargate la prospettiva del vostro occhio sulla parete che fa da sfondo e vedrete prendere vita una slitta con un Babbo Natale un po' particolare, che non dona, piuttosto porta con sé ciò che lo sostiene durante l'inverno. Non smette di stupire lo street artist Banksy, che ha voluto omaggiare Birmingham con una delle sue opere. In realtà, com'egli stesso ha scritto in un lungo post su Instagram, è la città stessa che lo ha omaggiato con la sua generosità: “Dio benedica Birmingham” ha detto l'artista, nella cui realizzazione ha atteso prendesse parte Ryan, un senzatetto della città. L'artista britannico ha preso quella stessa panchina, rendendola parte della sua opera muraria: una coppia di renne di Babbo Natale che prendono forma oltre lo stencil tipico della sua firma per un'opera al limite della performance. Nella mente di Banksy, l'opera vuole riportare a mente la grazia che si ha rispetto a tanti poveri costretti a vivere in miseria durante un periodo che dovrebbe richiamare alla gioia del focolare.

Il video dell'opera di Banksy – Video © IAmBirmingham per YouTube

Il post sui social

Così ha scritto Banksy sul suo profilo Instagram: “Dio benedica Birmingham. Nei 20 minuti in cui abbiamo filmato Ryan su questa panchina, i passanti gli hanno offerto una bevanda calda, due barrette di cioccolato e un accendino, senza che lui non chiedesse mai niente”. Un messaggio di speranza, dunque, per tanti homeless che si accingono a vivere la solitudine, non solo la miseria di un periodo che evoca i pranzi in famiglia e il calore umano.

#show_tweet#

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.