FIUGGI: LA MODA INCONTRA L’ARTE IN “BENETTON WEARS LILIANA COMES”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

Uno spaccato di vita tra colori, soggetti e opere alla ricerca delle radici dell’arte e del glamour italiano. “Benetton wears Liliana Comes: United for Colors” è la mostra evento che si terrà sabato 25 agosto presso l’United Colors of Benetton di Fiuggi, un percorso artistico dove il pubblico potrà leggere nelle creazioni della pittrice e illustratrice napoletana Liliana Comes il percorso artistico che da sempre contraddistingue il brand trevigiano.

“L’arte italiana è qui declinata al femminile, come un fenomeno tutto da scoprire – ha detto la pittrice – raccontandone le tendenze, le contaminazioni e le tradizioni. Il background multiculturale e interculturale va al di là dello stile, e ha l’ambizioso progetto di narrare i suoi protagonisti con uno sguardo deciso, facendo dell’arte e della moda un pretesto per indagare altre forme artistiche, a cui gli stilista talvolta s’ispirano”.

L’esibizione vanta il patrocinio di Unicef/comitato Frosinone, Garbage Patch State, e il comune di Fiuggi, e vede la partecipazione e la collaborazione del creative consultant Roberto Vitolo, e della reporte Yuliya Galycheva, oltre che la partnership di Associazione Culturale internazionale Napoli Cultural Classic della Ad Arte – Strategie per Comunicare, e infine la media partnership di Vanity Fair e la partecipazione dello chef Michelin Salvatore Tassa e del suo Nu’Bazzar.

All’interno della mostra troverà spazio anche #Bring back the #Colors, iniziativa che grazie all’acquisto di un pastello, sosterrà le campagne di Advocacy, indette dal comitato italiano per salvaguardare l’infanzia e l’adolescenza dei Paesi bisognosi, tra cui l’Africa sub-sahariana e il Medio Oriente. “Vogliamo diffondere un messaggio di vitalità, serenità, allegria e gioia nelle vite di migliaia di bimbi e ragazzi – ha sottolineato l’ideatore dell’evento Giuseppe Giulio – concedendogli la possibilità di costruire un futuro solido fatto di colori e di arte.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.