E' morto Mauro Bronchi, la “brunetta” delle Sorelle Bandiera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16

E'morto a Spoleto Mauro Bronchi. Aveva 75 anni ed era noto per aver interpretato – tra le tante parti – la “brunetta” delle Sorelle Bandiera protagoniste dell'Altra domenica di Renzo Arbore. Bronchi è scomparso improvvisamente martedì pomeriggio nella città del Festival, dove era nato e a cui era legatissimo.

Qui infatti aveva debuttato nel 1959, al terzo Festival dei Due Mondi, nell’opera lirica Il Duca d’Alba, diretto da Luchino Visconti. La biografia cinematografica racconta principalmente di quattro interpretazioni in altrettante pellicole: Altissima pressione (1965), L’importante è non farsi notare (1979), Il Pap’occhio (1980) e Venere Paura (1990).

Ma a portare Bronchi nelle case degli italiani è stata la tv con le celebri le Sorelle Bandiera, un trio comico e musicale en travesti attivo tra il 1976 ed il 1992 e reso celebre da Arbore che conobbe i tre protagonisti – il messicano Tito LeDuc (sostituito nel 1990 da Franco Caracciolo), l'australiano Neil Hansen e Bronchi – durante un'esibizione in un locale romano e li portò in trasmissione. da quel momento, tante le trasmissioni e anche alcuni film. A loro è dedicato il documentario: Le favolose Sorelle Bandiera (The Fabulous Flag Sisters) con la regia di Franco di Chiera, del 2008.

Il cordoglio

Il sindaco di Spoleto Umberto de Augustinis e l'assessore alla cultura Ada Urbani non hanno fatto mancare il loro cordoglio. “Indimenticato 'sorella bandiera' – lo ha definito il sindaco in una nota – ma, soprattutto, nato a Spoleto e coi primi passi della sua arte mossi nel Festival. Un attore che ha dedicato la propria vita a far divertire il suo pubblico con rara simpatia e comunicatività”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.