E' morto Jimmy il Fenomeno, caratterista della commedia sexy

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:53

E'morto all'età di 86 anni l'attore Luigi Origene Soffrano. Un nome che dirà poco, poiché meglio conosciuto con il suo nome d'arte, Jimmy il Fenomeno, il caratterista per eccellenza della commedia all'italiana. Noto per i suoi lineamenti particolari, la mimica facciale emblematica, il suo sguardo strano, il suo eccentrico modo di parlare e la sua buffa risata, Soffrano ha recitato in oltre 150 film, affiancando in piccole ma memorabili e divertenti parti attori del calibro di Totò, Aldo Fabrizi, Lino Banfi e Tomas Milian. Camei veri e propri in molti casi ma difficilmente rinunciabili per i registi della commedia di un'epoca di cinema compresa fra gli anni 50 e la fine degli anni 80, coincisi infatti con il miglior periodo della carriera di Jimmy.

La carriera

Nato in Puglia nel 1932, Soffrano esordì al cinema nel 1958, recitando in una piccola parte al finaco di Totò nel film Gambe d'oro. Di lì in poi, i suoi tratti inconfondibili e l'abilità nel ricoprire ruoli eccentrici lo resero uno degli interpreti più noti della commedia sexy all'italiana, chiamato dai migliori registi dell'epoca cinematografica in questione (Luciano Salce, Sergio Corbucci, Umberto Lenzi, Luigi Zampa, Ugo Tognazzi, Dino Risi e Bruno Corbucci, solo per citare i più noti) per ruoli lampo ma spesso indispensabili per conferire al film quell'aria di leggerezza e comicità molto in voga in quegli anni. Per lui anche un'esperienza in televisione, affiancando Ezio Greggio come spalla nella conduzione di 'Drive In'.

Finito il periodo della commedia e dei B-Movie, però, come per molti altri artisti coevi anche la carriera di Jimmy il Fenomeno era andata esaurendosi, nonostante l'invidiabile curriculum di non meno di 150 film girati in quasi cinquant'anni di lavoro, sempre nel suo inconfondibile ruolo di caratterista. Negli ultimi anni risiedeva a Milano, in una casa per anziani, impossibilitato a camminare da una malattia e costretto ormai da diverso tempo su una sedia a rotelle. L'attore è deceduto qui, nella giornata del 6 agosto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.