Capitale europea della cultura per il 2019: le polemiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55

Polemiche tra Istituzioni in merito ai progetti di riqualificazione di Matera. Il 17 ottobre 2014 la Città dei Sassi è stata designata, insieme a Plovdiv (città sita in Bulgaria), Capitale europea della cultura per il 2019. Il piano delle opere in programma in base alla legge 205 del 2017 aveva messo a disposizione 19 milioni di euro.

La giunta comunale ha però detto “No” alla costruzione del parcheggio per la “Cava del Sole” e alla riqualificazione di uno degli ingressi alla città, dando il proprio “Sì” solo al completamento dell'eliporto. La rivisitazione del piano – aveva spiegato ieri il sindaco di Matera, Raffello De Ruggieri, in una nota – è il frutto degli incontri avuti nelle scorse settimane con i ministri per il Sud e per i Beni culturali, Barbara Lezzi e Alberto Bonisoli.

La smentita

Oggi però è arrivata la smentita dei diretti interessati. I ministri – si legge in una nota ripresa da Ansa – hanno appreso “con stupore e irritazione” che il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, ha annunciato “la decisione di non realizzare il parcheggio della Cava del Sole e i lavori di qualificazione all'ingresso a Matera di via La Martella”. 

“Contrariamente a quanto affermato dal sindaco del capoluogo lucano – hanno scritto i due ministri – nessuno dei due argomenti è stato oggetto di incontri avuti nelle scorse settimane, se non nella misura in cui si era convenuto di andare avanti speditamente nella realizzazione dei progetti. Nessun preavviso è stato poi fornito circa la decisione comunicata oggi. Evidentemente, lo diciamo con sincero rammarico, c'è chi non essendo in grado di adempiere alle proprie responsabilità, mena il can per l'aia e pensa bene di irridere le istituzioni. Tutto questo quando l'appuntamento con Matera 2019 è ormai alle porte”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.