Calcio freestyle, la prima Accademia a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Immaginate il palcoscenico di un teatro, aggiungete un gruppo di ragazzi che palleggiano in modo acrobatico e vi ritroverete nella nuova Accademia di calcio freestyle che nasce grazie alla collaborazione del team Fast Foot e il teatro Porta Portese. Nel 2010 si decide di riunire i più abili e spettacolari freestyler italiani in modo da creare un perfetto equilibrio tra tecnica e creatività. Il loro leader diventerà Swann Ritossa, triestino classe 1985 che spiega: “Il nostro obiettivo oggi è allargare il più possibile la scena del calcio freestyle attraverso la realizzazione della prima scuola di questa disciplina in Italia con sede a Roma”.

Tonino Tosto, il direttore artistico di Porta Portese ha osservato: ” Il teatro si è sempre incontrato con le arti circensi, ha sempre valorizzato l’equilibrio del disequilibrio che attrae il pubblico, e la capacità di giocare con un pallone con abilità e divertimento riflette il concetto. E poi questi ragazzi sono eccezionali e abbiamo pensato che fosse giusto offrire loro uno spazio in una location come la nostra, aperta alle giovani idee”. La crew è composta da ragazzi appartenenti ad una fascia d’età tra i 20 e i 30 anni, che hanno fatto del calcio di strada una passione e una professione. La tecnica prevede una serie di acrobazie e palleggi nel quale il freestyler utilizza praticamente tutte le parti del corpo ad eccezione delle mani. Un vero spettacolo artistico che sullo stesso palco unisce diverse discipline.

“Siamo felici che abbiano scelto la nostra sede, è un bene prezioso in più per il nostro spazio – aggiunge Jessica Agnoli, responsabile coreografie del Porta Portese – come la danza, il calcio freestyle è a sua volta educazione al movimento e alla musica che al corpo non può far che bene”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.