ARCHEOLOGO BRITANNICO ANNUNCIA DI AVER SCOPERTO LA TOMBA DI NEFERTITI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

Forse svelato uno dei misteri più grandi dell’antichità, il luogo di sepoltura di Nefertiti, la madre “adottiva” di Tutankhamon. Un archeologo britannico, Nicholas Reeves, sostiene di aver individuato due porte nascoste nelle pareti del sepolcro del noto faraone. Si tratterebbe di ingressi ancora mai aperti che porterebbero alla tomba della bella Regina d’Egitto, cercata da secoli e mai individuata. L’ipotesi – tutta da provare – è rilanciata dal Times di Londra. Reeves, studioso della University of Arizona, ha analizzato alcune scansioni digitali ad alta risoluzione dei muri interni alla tomba di Tutankhamon, riportata alla luce nel 1922 nella Valle dei Re da Howard Carter. Grazie alle immagini rinvenute, afferma di aver trovato i due ingressi e uno di questi porterebbe a una scoperta “straordinaria”.

Il “passaggio” fra le due camere non sarebbe mai stato individuato perché, ritiene Reeves, è stato decorato con scene religiose in una data precedente rispetto agli altri tre muri della tomba del giovane faraone e quelle decorazioni sarebbero servite come protezione rituale per la parte segreta e più importante del complesso. “Solo una donna membro della famiglia reale ai tempi della diciottesima dinastia poteva ricevere questo tipo di onori, e quella era Nefertiti”, afferma l’archeologo, che ha descritto le sue teorie in un saggio per l’Amarna Royal Tombs Project. “Non sarebbe sorprendente se nel progetto ci fossero altre camere”.

L’ipotesi ha affascinato anche altri studiosi come Joyce Tyldesley, della University of Manchester. “Non sarebbe sorprendente se la tomba fosse stata progettata per avere altre camere – ha detto – ma sarei sorpreso se si trattasse del primo luogo di sepoltura di Nefertiti, morta durante il regno del marito Akhenaton e quindi sepolta nella città di Amarna”. Secondo Tyldesley però, in teoria il corpo della regina potrebbe essere stato trasportato dal figliastro a Tebe, ma restano dei dubbi se sia stato poi sepolto vicino a lui in quella parte di Valle dei Re. Insomma, fino a nuovo scavi il luogo di riposo di Nefertiti resterà ancora un mistero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.