Al via l’undicesima edizione di Bergamo Arte e Fiera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
arte

Per gli appassionati di arte moderna e contemporanea dal 29 novembre si apre un nuovo appuntamento da non perdere. La Fiera di Bergamo ospiterà nei prossimi giorni la raffinata mostra che da ormai dieci anni è uno degli eventi culturali di riferimento per il Nord Italia. Novanta gallerie tra le più importanti d’Italia allestite in uno spazio di 6500 mq, uno spazio che accoglierà firme nazionali e internazionali di grande rilievo, a confermare quanto il BAF abbia oltrepassato i confini italiani. La mostra mercato si svilupperà in un insieme armonico, senza divisioni in cui sarà possibile confrontare le grandi opere che dal Novecento in poi hanno arricchito il patrimonio culturale.

Sergio Radici, direttore artistico della fiera ha dichiarato: “BAF ha dimostrato nei suoi primi dieci anni di vita di essere un’eccellenza del settore. Il pubblico è protagonista di un viaggio di alta qualità artistica e culturale, che vede accanto alle opere degli artisti  storicizzati, quelle realizzate da artisti emergenti, accuratamente selezionate. Proprio la presenza di una così significativa rappresentanza di artisti ha permesso a Bergamo di collocarsi tra le mete più importanti per gli appassionati del settore, affiancandosi a Bologna, Milano, Verona e Torino”. A valorizzare la mostra una serie di eventi collaterali, artistici, storici e di approfondimento che allargheranno il raggio di visitatori del BAF. Quest’anno  uno spazio sarà dedicato a Giuseppe Milesi, in occasione del centenario della sua nascita, verranno presentate opere di una serie di artisti attivi in Europa e in America ed infine si renderà omaggio a due importanti novità del panorama artistico:  Giovanna Bolognini, bergamasca nata a Volpera di Mapello resa famosa da  “La libertà di essere un filo”  e  Aidan, artista “multimediale”nata nel 1979 a Brescia con la sua l’installazione hi-tech e la realtà aumentata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.