Affluenza record: +23%. Francescini: “Eccelleza italiana”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

Record di visitatori per la 57/a Esposizione Internazionale d'Arte “Viva Arte Viva”. Organizzata dalla Biennale di Venezia – presieduta da Paolo Baratta e curata da Christine Macel – l'esposizione si è chiusa con oltre 615mila visitatori a cui si aggiungono le oltre 23.500 presenze avute nel corso della vernice. Rispetto ai visitatori del 2015, la Binenale conerma il moemento d'oro che sta vivendo, con un incremento del 23%. 

I curatori

“Al di là delle soddisfazioni che portano con sé i record – ha dichiarato il cuatore Baratta – a me piace pensare che oltre ai meriti della curatrice Christine Macel, questi numeri siano anche il sintomo di alcuni fenomeni generali positivi. A cominciare dalla familiarità del pubblico con l'arte contemporanea, il desiderio di avere gli artisti come compagni di viaggio”.

Franceschini: “Eccellenza italiana”

“Un eccezionale record di visitatori, di cui siamo orgogliosi, premia questa 57esima edizione della Biennale che sarà ricordata per la bellezza e la qualità delle opere”. Così il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) Dario Franceschini commentando i dati finali dell'esposizione internazionale veneziana, conclusasi ieri. “La Biennale di Venezia costituisce un'eccellenza nel panorama internazionale dell'arte – ha rimarcato – che contribuisce all'immagine e al prestigio dell'Italia nel mondo”.

La kermesse

Aperta al pubblico da sabato 13 maggio fino a domenica 26 novembre, ai Giardini della Biennale e all’Arsenale e nel centro storico di Venezia, l'esposizione ha visto la partecipazione di 120 artisti, di cui 103 presenti per la prima volta nella Mostra principale, nonché di 86 Partecipazioni Nazionali, un progetto speciale e 23 Eventi collaterali selezionati.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.