A Parma una mostra dedicata alla storia della pubblicità in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:16

Racconta la storia della pubblicità in Italia l’estemporanea allestita presso gli spazi della Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo, a pochi passi da Parma. In mostra circa 200 opere che illustrano l’arte del marketing in un percorso storico che nasca nel 1800, per arrivare all’epoca di Carosello, sottolineando l’evoluzione del messaggio pubblicitario, a partire da quello cartaceo, sulla stampa.

La mostra

Intitolata, “Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957”, come riporta l’Ansa, la rassegna è curata da Dario Cimorelli e Stefano Roffi, che hanno messo a punto una dettagliata selezione di bozzetti, manifesti, filmati e tanta documentazione che testimonia la nascita in Italia della pubblicità, dalle sue prime forme di comunicazione, semplici e dirette, all’introduzione dell’illustrazione quale strumento persuasivo e spiazzante per novità e per fantasia, con un occhio al rapporto tra illustrazione e messaggio, da celeberrimi manifesti alla locandina, alla targa di latta e quindi al packaging della confezione. Senza contare l’impatto travolgente di media come la radio e la televisione.

Il percorso espositivo

La mostra prende le mosse da una sezione che spiegherà un fenomeno caratteristico del periodo pioneristico del messaggio pubblicitario. Vale a dire il fatto che i primi illustratori furono soprattutto veri e propri artisti, ideatori di bozzetti e manifesti messi a punto seguendo l’idea dell’illustrazione intesa quale elemento di comunicazione principalmente bello, indipendentemente dal contenuto promosso. Una rappresentazione che spesso doveva stupire o catturare l’attenzione grazie alla costruzione e composizione cromatica, ma anche attrarre con ironia e a volte persino impaurire. Si procederà quindi con un focus sul rapporto tra illustrazione e messaggio pubblicitario, dove uno rafforza l’altro, dove il prodotto viene rappresentato, o comunque evocato, e quindi descritto con il suo nome e la sua marca, associato a uno slogan in grado di ribadirne le caratteristiche e le peculiarità. In questa sezione, divisa in capitoli, attraverso marchi celeberrimi quali Barilla, Campari, Cinzano, Motta, Pirelli e molti altri, si indagherà il mondo del manifesto in un incrocio virtuoso tra temi (la donna, gli animali, l’uomo e altro ancora), settori merceologici (fra cui bevande, moda, trasporti, turismo), le scuole (come le grafiche Ricordi, Richter, Chappuis), le prime agenzie pubblicitarie (da Maga ad Acme Dalmonte) e i grandi maestri (quali Cappiello, Dudovich, Mauzan, Codognato, Carboni, Nizzoli, Testa).

Mezzi di diffusione

La terza sezione riguarderà tutti gli strumenti di promozione pubblicitaria che si sono sviluppati accanto al più conosciuto manifesto: locandine, depliant, targhe in latta fino all’illustrazione della confezione. La mostra della Fondazione Magnani Rocca si concluderà con una panoramica dedicata ai nuovi strumenti di comunicazione che si affacciarono sulla scena dal 1920 in poi, la radio prima e poi la televisione, per arrivare al giorno in cui nacque Carosello.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.