A Bologna un viaggio nella civiltà etrusca in 3D

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:52

Un viaggio nella civiltà etrusca, grazie a reperti archeologici e a tecnologie 3D. Al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, nella capitale, è stata inaugurata la mostra “Apa l’etrusco sbarca a Roma” ed è stato presentato in anteprima il film di animazione in 3D “Ati alla scoperta di Veio”, sceneggiato e diretto da Giosuè Boetto Cohen, con la partecipazione di Sabrina Ferilli. Contemporaneamente all’esposizione romana, nel Palazzo Pepoli di Bologna apre oggi al pubblico la mostra “Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l’aldilà tra capolavori e realtà virtuale”.

La mostra romana è un viaggio ideale verso la città di Bologna, l’etrusca Felsina, richiamata nell’esposizione da oggetti simbolo della sua cultura. Oltre la stele funeraria con le immagini a bassorilievo del “cammino” del defunto verso l’oltretomba, verrà mostrata la Situla della Certosa, un vaso cinerario in bronzo dalle complesse ed emblematiche scene figurate, che dal Museo Civico di Bologna raggiungerà il Museo di Villa Giulia nella sua versione virtuale. Dalla Situla è nato anche il personaggio di Apa l’etrusco al quale ha dato voce l’indimenticabile Lucio Dalla e che rappresenta con la sua buffa immagine l’icona dell’intero progetto.

L’intreccio tra archeologia, scienza e tecnologia applicata trova un altro momento di eccellenza nella complessa digitalizzazione del Sarcofago degli Sposi, simbolo dell’Etruria e icona indiscussa del Museo di Villa Giulia. L’immagine olografica a grandezza naturale del Sarcofago, attuata con tecniche diverse grazie all’impegno di cinque gruppi di scienziati coordinati dal Cineca, verrà esposta nella mostra bolognese, in una ambientazione interattiva, che coniuga scienza, arte ed effetti spettacolari in un perfetto equilibrio espressivo. Le mostre di Roma e Bologna resteranno aperte al pubblico fino al 22 febbraio 2015.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.