Violenta la moglie con amici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:07

Ennesimo fatto di violenza contro una donna. Gli abusi si consumano, come spesso accade, tra le mura domestiche e a consumarlo è l’uomo che da principe azzurro si trasforma in un orco senza pietà: il marito avrebbe organizzato uno stupro di gruppo ai danni della moglie, dalla quale si stava separando. E’ accaduto a Colico, in provincia di Lecco. La denuncia è partita proprio dalla donna che, dopo aver subito a lungo gli abusi del compagno, avrebbe deciso di raccontare quanto accadeva tra le mura domestiche: gli stupri e le botte al figlio che frequenta le elementari. Sulla vicenda indaga la procura di Lecco ed anche il Tribunale dei minori di Milano. L’uomo, 40 anni, infatti è accusato anche di maltrattamenti in famiglia contro il figlio minorenne che è già stato sentito dai carabinieri e avrebbe confermato la violenza subita.

L'arresto

L'uomo, che lavora sulle piattaforme petrolifere e spesso è lontano da casa, è molto conosciuto in paese. Padre di tre figli, sposato con una ragazza straniera, è stato arrestato dai carabinieri che hanno eseguito nei giorni scorsi l’ordinanza di custodia cautelare disposta dal giudice per le indagini preliminari, al momento si trova in carcere a Pescarenico, sorvegliato costantemente per evitare che gli altri detenuti possano aggredirlo. Insieme a lui risulterebbero indagate anche altre persone.

Alcuni dati

Solo per dare un senso al fenomeno di cui stiamo parlando, basti citare il rapporto Istat pubblicato nel 2018 in cui si legge che nel biennio 2015-16, il 4,1% delle ragazze che oggi hanno meno di 30 anni ha subito violenza sessuale quando era minorenni ed è purtroppo in aumento la percentuale dei figli che hanno assistito a episodi di violenza sulla propria madre (dal 60,3% al 64,8% tra il 2006 e il 2014) e di quelli che sono stati direttamente coinvolti (dal 15,9% al 23,7%).

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.