Una nuova ondata di caldo travolgerà l'Italia?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40

Nuova ondata di caldo al di sopra della media stagionale. Per la prima settimana di agosto è prevista un'impennata delle temperature che sulle isole e nel Sud Italia potranno superare i 40 gradi. Ma il Nord potrebbe essere interessato da forti rovesci.

Fino a 40 gradi in Sardegna

Dopo averci lasciato patire di meno l'afa e il solleone, già da martedì 6 agosto le temperature risaliranno a causa dell'anticiclone delle Azzorre a cui si affiancherà quello subtropicale proveniente dal deserto del Sahara. A soffrirne di più saranno la costa adriatica del Meridione e le isole principali, con la colonnina di mercurio che potrebbe salire fino ai 37 o 38 gradi nelle zone più interne della Sardegna. Ma non staranno più freschi comunque al Centro-nord che perché i picchi di temperatura si fermeranno appena due gradi sotto, intorno ai 34-35. Da metà settimana le cose si faranno più roventi per tutti. Al centro e nel settentrione si arriverà ai 35-37 gradi, soprattutto in Val Padana e in parte della Toscana. Temperature più alte ancora nel meridione e di nuovo la Sardegna potrebbe essere la più calda di tutti, con picchi di 40 gradi all'interno. Gli effetti del caldo non risparmieranno neppure le fasce costiere, solitamente più miti, per via dell'afa.

Rischio nubifragi

Secondo il Centro meteo italiano le temperature massime saranno raggiunte nel finesettimana, per crescere ancora nei giorni che vanno verso Ferragosto. Intanto in questi giorni di aumento, però, potrebbe inserirsi una massa d'aria atlantica proveniente dal Nord Europa che, dopo qualche piovasco introduttivo nei settori alpini e prealpini, rischierebbe di causare forti piogge sia al centro che al nord della Penisola, anche a carattere di nubifragio

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.