Tragedia sull'A13, un'intera famiglia distrutta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:02

Un'intera famiglia distrutta nella notte, in uno schianto fatale sull'autostrada A13 Bologna-Padova, nel tratto di strada fra Bologna Interporto e Altedo, direzione Padova, tratto che rientra nella provincia di Vicenza: tre persone, padre, madre e una bimba di cinque mesi, sono morte sul colpo nell'impatto fra il loro furgoncino e un pullman che, nell'incidente, ha quasi completamente distrutto la loro vettura. La giovane coppia, 32 anni lui e 29 lei, hanno perso la vita all'istante, mentre i soccorritori del 118, intervenuti tempestivamente sul posto, hanno cercato di rianimare la loro bimba, nata il 31 maggio scorso, senza riuscirvi nonostante i tentativi andati avanti per diversi minuti. La famiglia stava probabilmente rincasando quando il mezzo è stato tamponato da un'utilitaria, ribaltandosi dopo il contatto con le barriere newjersey e finendo per essere colpita in pieno da un pullman che stava sopraggiungendo e sul quale viaggiavano circa cinquanta ragazzi di Pordenone.

L'indagine

I conducenti dei due mezzi che hanno urtato la vettura sulla quale viaggiava la giovane famiglia sono rimasti feriti, non gravemente, ed entrambi sono stati sottoposti sia ai test alcolemici per appurare l'eventuale tasso di alcol o stupefacenti, sia al ritiro preventi vo della patente. La dinamica, però, sembra abbastanza chiara, con l'incidente che sarebbe stato innescato dall'utilitaria che, per ragioni ancora non appurate, ha effettuato il primo tamponamento, dando il via allo schianto mortale. Pare che alla guida della vettura ci fosse un ragazzo di 19 anni. Anche uno dei giovanissimi passeggeri del pullman (una comitiva di ragazzi che ritornava dal Lucca Comics) avrebbe riportato alcune ferite, anche in questo caso non gravi. 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.