STUPRO DI UNA QUINDICENNE: BILL COSBY DI NUOVO IN TRIBUNALE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03

Nuovi sviluppi sullo scandalo sessuale che ha travolto Bill Cosby, meglio conosciuto come Cliff Robinson, accusato di aver violentato decine di donne nel corso degli anni. L’uomo è convocato il 9 ottobre dalla Corte Superiore di Los Angeles per testimoniare sotto giuramento sulla sospetta violenza nei confronti dell’allora quindicenne Judith Huth. Cosby potrà a sua volta contro-interrogare la sua accusatrice.

Il comico, finito sulle prime pagine di tutti i giornali americani, aveva già ammesso di essere stato in possesso di droghe da offrire ad alcune donne di cui voleva approfittare. Ne aveva parlato l’Associated Press citando alcuni documenti depositati in tribunale, dai quali emerge che l’attore ha somministrato un sedativo ad almeno una donna. I dati risalgono all’azione legale avviata da una ex dipendente della Temple University, Andrea Constand, che accusa il “papà dei Robinson” di abuso sessuale, il primo di una lunga serie che lo vedono ancora protagonista.

Nell’interrogatorio del 2006, gli inquirenti chiesero a Cosby: “Quando si è procurato il Quaalud, aveva già intenzione di usarlo con giovani donne con cui voleva fare sesso?”. La risposta in quel caso fu secca, chiara e molto semplice: “Sì”. Questi documenti rimasero riservati per diversi anni, fino a quando il procuratore distrettuale Eduardo Robreno non ne ha concesso l’apertura. In America la notizia ha avuto una forte risonanza soprattutto perché Cosby è stato per anni icona della comicità e immagine del padre perfetto della fortunatissima serie televisiva. L’accusa di stupro nei confronti di una minorenne torna oggi a far discutere, portando il celebre attore statunitense al centro di una nuova e triste vicenda.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.