Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:50

Sgominata una baby gang dedita a furti e rapine. I carabinieri di Monza Brianza stanno dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di 4 minorenni, autori di dodici rapine aggravate, una tentata rapina aggravata, un furto aggravato e porto abusivo di armi. Le rapine sono state commesse nell’area tra Vimercate, Arcore e Concorezzo, tra gennaio e maggio di quest’anno. La baby gang prendeva di mira le proprie vittime, di età compresa tra i 13 e i 16 anni, che erano accerchiate, minacciate con coltelli e costrette a consegnare denaro e cellulari. Molto attivi sui social, sui loro profili i ragazzi si ritraevano con pistole e passamontagna. Gli arrestati hanno contesti familiari problematici, con genitori separati alcuni dei quali con precedenti penali. L'indagine è stata coordinata dalla Procura per i Minorenni di Milano. 

Baby gang

E' la seconda baby gang fermata in poche settimane dopo quella della “Compagnia del Centro”, una banda di ragazzini responsabili di furti, rapine e violenze tutti perpetrati nel centro di Monza arrestati nei mesi scorsi. Sei ragazzini, poco più che maggiorenni, erano stati arrestati lo scorso 17 aprile dalla Polizia di Stato di Monza per aver commesso almeno dieci rapine e un tentato omicidio . La baby gang aveva detto di aver agito ispirandosi al video-gioco Grand Theft Auto, GTA, che ha anche dato il nome all’operazione. Tutti e sei facevano parte della stessa gang, denominata “Compagnia del centro” o “Compagnia del Ponte“, perché gravitavano e agivano nella zona del Ponte dei Leoni, a Monza. Lo scorso marzo i carabinieri di Milano avevano arrestato 9 minorenni italiani di età compresa tra i 16 e i 17 anni per 11 episodi violenti avvenuti dal luglio al novembre dello scorso anno tra Milano e Abbiategrasso

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.