Scontro bus-camion rifiuti: morta la donna in coma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:59

E' di undici persone ferite e una donna deceduta il bilancio del violento scontro tra un filobus di Atm, l'azienda di trasporti milaese, e un mezzo di raccolta rifiuti dell'Amsa, che si è verificato questa mattina in via Egisto Bezzi, angolo via Marostica, a Milano. I due mezzi, come riporta il Corriere.it, dopo lo scontro, sono finiti nella corsia opposta, a diversi metri dal punto d'impatto. Sull'incidente sta indagando la polizia locale

Una donna in fin di vita

La donna di 49 anni, in fin di vita dopo lo schianto, è deceduta dopo una giornata trascorsa senza mai riprendersi dal coma. Si tratta di una passante che stava attraversando la strada ed è stata travolta da uno dei mezzi. Dopo essere stata rianimata sul posto, è stata trasportata d'urgenza in ospedale. Degli altri feriti, tre in codice giallo e otto in codice verde, due eano sul camion dell'Amsa, gli altri sul filobus. La dipendente dell'Amsa, addetta alla raccolta dei rifiuti, è stata sbalzata a molti metri di distanza, il collega, alla guida del mezzo, è rimasto incastrato nell'abitacolo ed ha riportato pesanti fratture. Secondo i sanitari del 118, non rischiano la vita. 

Le cause dell'incidente

Ancora non è chiaro cosa abbia causato l'incidente, ma si pensa che all'origine dello scontro ci sarebbe il mancato rispetto di una precedenza da parte di uno dei mezzi. al momento, gli agenti della Polizia locale stanno aspettando di sentire i conducenti che, però, sono in ospedale. Nel frattempo, si sta cercando di capire se ci siano telecamere in zona che possano fornire dettagli utili per ricostruire le reali dinamiche del violento scontro. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.