RIMINI, ARRESTATO IL PRESUNTO STUPRATORE DELLA 20ENNE MILANESE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45

“Fermato dalla taskforce il presunto autore della violenza sessuale a una ventenne milanese a Ferragosto”. Con questo annuncio sul suo profilo Twitter, corredato anche di una foto dove compare il ragazzo accanto a due agenti, la Polizia di Rimini ha comunicato l’arresto del presunto stupratore. Il ragazzo è un 27enne originario del Senegal, ma cresciuto a Novara. e proprio grazie al suo marcato accento piemontese che ha insospettito gli agenti durante alcuni controlli notturni sul lungomare. La vittima, una ragazza milanese di 20 anni, la notte di Ferragosto, dopo una festa era andata in spiaggia a cercare la comitiva in spiaggia, ma è stata aggredita dal ragazzo che l’ha poi stuprata.

E’ stato risolto anche il secondo caso di violenza sessuale, sempre a Rimini, che riguarda una ragazza di 24 anni aggredita da un marocchino, anche lui arrestato. Resta invece da risolvere il terzo caso, quello di una donna trovata semicosciente intorno alle 5 di ieri mattina, nei pressi del lungomare di Miramare a Rimini, da alcuni passanti che hanno chiamato la polizia. Si tratta di una turista tedesca di 19 anni, che non è riuscita a fornire molti dettagli sull’accaduto, anche a causa dell’alto tasso alcolico riscontrato nel suo sangue. La ragazza non ha fornito elementi su quanto accaduto, ma i medici hanno riscontrato delle lesioni agli organi genitali compatibili con una violenza.

Tre casi che in pochi giorni hanno scosso profondamente la località turistica sull’Adriatico. Per contrastare questi episodi di violenza, la questura di Rimini ha deciso di istituire una task force che fino alla fine dell’estate pattuglierà le spiagge e il lungomare di Rimini con agenti in borghese e divisa. Il servizio, disposto in maniera straordinaria, continuerà almeno fino alla fine del mese.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.