Ragazzo travolto da un treno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Un giovane ragazzo di vent'anni, giovedì 21 novembre, è morto a Pisa travolto da un treno. Il corpo è stato ritrovato solo diverse ore dopo, lungo la linea ferroviari di Pisa-Lucca, in prossimità della stazione di Pisa San Rossore e San Giuliano Terme. Secondo le prime ricostruzioni, la tragedia sarebbe avvenuta alle prime luci dell'alba, mentre il ragazzo intento ad attraversare i binari con le sue cuffiette, non si sarebbe accorto dell'arrivo imminente del treno

La indagini

L'intera linea ferroviaria è stata interrotta intorno alle 9.40 per consentire di effettuare tutti i rilievi tecnici da parte dalle forze dell'ordine. Sull'episodio indaga la Polfer di Pisa, insieme alla polizia scientifica, e stando ai primi accertamenti, fra le ipotesi, c'è proprio quella che il giovane, italiano, indossasse le cuffiette al momento dell'incidente, e probabilmente stava attraversando i binari in prossimità di un passaggio a livello pedonale senza accorgersi che stesse sopraggiungendo il treno. Forse proprio un convoglio merci considerando l'orario. Complice il buio e il forte rumore del mezzo, anche lo stesso manovratore, non si sarebbe accorto dell'accaduto. Subito scartata l'idea di un possibile suicidio quanto piuttosto si pensa ad un gesto d'imprudenza. Dopo alcune ore d'interruzione, il transito dei treni sulla linea Pisa-Lucca, nel tratto interessato dallo stop, è ripreso intorno alle 12:45.

Un episodio che fa riflettere 

Purtoppo non è la prima volta che sentiamo storie come questa, giovanissimi che perdono la propria vita travolti da mezzi, mentre compiono un atto d'imprudenza, oppure un atto goliardico, magari anche filmato proprio per poi essere postato in rete, oppure perchè alienati e distratti dalla loro amata tecnologia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.