Migranti: sassaiola contro le forze ordine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46

Nuova rivolta di migranti nell'hot spot di Lampedusa, in Sicilia. 

La sassaiola

Gli ospiti del centro hanno dato inizio ad una sassaiola verso gli uomini delle forze dell'ordine in servizio all'interno della struttura come protesta per il mancato trasferimento. I migranti, tutti di nazionalità tinusina, chiedevano da diversi giorni di essere trasferiti in altre strutture; poi, l'attacco, sedato dai militari solo in tarda serata.

Nella sassaiola, un carabiniere è stato ferito alla testa ed è dovuto ricorrere alle cure del locale poliambulatorio. Le sue condizioni sono risultate essere non gravi. Ora si sta tentando, attraverso le testimonianze, di risalire all’uomo che ha ferito il militare.

L'inchiesta

La Procura di Agrigento ha aperto una inchiesta. Secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, sembra che le tensioni abbiano avuto inizio dopo sulla lite tra tunisini, dove uno dei migranti è stato anche accoltellato e ferito lievemente. Il tunisino ferito al viso è stato accompagnato alla Guardia medica dove gli sono stati dati dei punti. L'aggressore è stato arrestato dalle forze dell’ordine.

Continui disordini

Sull'isola continua a registrarsi una situazione di forte tensione. Ieri alcuni migranti hanno tentato di imbarcarsi sulla nave che collega Lampedusa e Linosa con Porto Empedocle ma sono stati bloccati in seguito ai controlli delle forze dell'ordine.

Proseguono, inoltre, i danneggiamenti da parte dei migranti alle case disabitate ed utilizzate dai turisti durante il periodo estivo. Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello ha sollevato il problema durante un incontro a Roma con il ministro degli interni Marco Minniti, al quale ha esposto le criticità legate alla presenza di un numero elevato di migranti che mostrano segni di insofferenza per la prolungata permanenza nell'hot spot.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.