IL TIFONE ETAU DEVASTA IL GIAPPONE: 3 MORTI E 25 DISPERSI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:04

Sale a tre morti e 25 dispersi, tra cui anche due bambini, il bilancio del passaggio del tifone Etau in Giappone. Le eccezionali alluvioni che stanno mettendo in ginocchio il Paese, hanno causato anche la mobilitazione di migliaia di uomini impegnati nelle operazioni di soccorso.

Operazioni che proseguono anche a Joso, nella prefettura di Ibaraki, a circa 50 chilometri da Tokyo, travolta dalle acque del fiume Kinugawa. I soccorritori sono impegnati nella ricerca di almeno 25 dispersi, mentre decine di persone vengono portate via su elicotteri militari dopo aver passato la notte sui tetti degli edifici. Il governo ha ordinato l’evacuazione di più di 30mila persone, dato che le piogge torrenziali che stanno colpendo il Paese non accennano a diminuire. Decine di case – scrive l’agenzia Asianews – sono state spazzate via e più di 3.500 persone sono state portate nei centri di evacuazione. Il passaggio del tifone Etau, declassato a “tempesta tropicale”, sta per colpire la parte est del Giappone.

L‘Agenzia meteorologica nazionale ha emanato un’allerta per la prefettura di Miyagi e ha avvertito della possibilità di nuove inondazioni nelle prossime ore. La situazione, ha spiegato il direttore Takuya Deshimaru, “è anormale. L’area è a serio rischio”. A Sendai le autorità hanno chiesto a 412mila persone di tenersi pronte a lasciare le proprie case. Akira Motokawa, funzionario della città di Joso, ha detto ai microfoni della Nhk che i soccorritori sono stati in grado di tenere il passo alle richieste di aiuto. L’Agenzia di gestione dei disastri ha detto che 22 persone sono state ferite dalle tempeste negli ultimi due giorni, tra cui tre donne anziane. Non è chiaro se vi siano o meno vittime.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.