IDENTIFICATA LA RAGAZZA MORTA IN SPIAGGIA A MESSINA, LA POLIZIA CERCA DUE GIOVANI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:22

E’ stata identificata dalla polizia la ragazza che la notte scorsa è stata trovata senza vita sulla spiaggia del litorale di Messina. Il suo nome è Ilaria Boemi, di 17 anni, studentessa all’istituto d’arte Ernesto Basile di Messina. Le forze dell’ordine hanno interrogato i genitori della giovane per cercare di capire le sue abitudini. A ritrovare il corpo e provvedere alla segnalazione alla polizia è stato un ciclista, che ha riferito ai soccorsi di aver visto sul luogo anche un ragazzo e una ragazza visibilmente agitati. Ma all’arrivo del 118 e delle forze dell’ordine i due si erano già dileguati.

Secondo le prime ricostruzioni la giovane sarebbe morta per arresto cardiaco e, dopo un primo esame del medico legale, si è esclusa la morte per overdose da eroina in quanto sulle braccia non aveva tracce di puntura. La Procura ha aperto un inchiesta, di cui è titolare il sostituto Stefania La Rosa, ed ha disposto l’autopsia. Infatti solo con ulteriori esami si potrà chiarire se la ragazza avesse assunto droghe o se sia deceduta per un malore.

Anche altri testimoni hanno confermato la presenza sul luogo di altri due ragazzi che passeggiavano con Ilaria, ma sarebbero scappati dopo aver chiesto aiuto per la loro amica che stava male. Secondo il capo della squadra mobile di Messina, Giuseppe Anzalone, il comportamento dei due giovani è alquanto anomalo. “Questo ci insospettisce molto – ha spiegato Alone – perchè se la ragazza ha avuto un semplice malore i due sono fuggiti? Non ci sono segni sulle braccia della donna, ma potrebbe aver assunto qualche droga o altro per via orale. Stiamo vagliando tutte le ipotesi e stiamo cercando di risalire all’identità di chi era con lei”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.