Gettò il figlio nel Tevere, la Cassazione conferma la condanna a 30 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:05

La Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni per omicidio a Patrizio Franceschelli, il padre che uccise il figlioletto di 16 mesi gettandolo nel Tevere, a Roma, il 4 febbraio del 2012. L’uomo, dopo aver litigato con la madre di suo figlio, ricoverata in ospedale, andò a casa della suocera e portò via il piccolo, Claudio, poi dopo aver vagato per la città lo gettò nel fiume. Nonostante la difesa abbia provato a sostenere in tutto il processo il vizio di mente, la perizia del tribunale ha accertato invece che in quel momento Patrizio era lucido e cosciente.

Una conclusione che i giudici della prima sezione penale della Cassazione, specializzata in omicidio, presieduta da Maria Cristina Siotta, hanno condiviso. Franceschelli inoltre dovrà risarcire le parti civili,mamma e nonna del bimbo,cui i giudici hanno assegnato duecentomila euro, e il Comune di Roma,costituitosi in giudizio.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.