Esplode macelleria, feriti 5 vigili del fuoco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52

Paura nella notte a Reggio Calabria, dove una squadra dei vigili del fuoco intervenuta intorno all'1:40 per un incendio in una macelleria è stata coinvolta in un’esplosione, probabilmente causata da una bombola di gpl. Cinque vigili del fuoco del comando provinciale di Reggio e due poliziotti sono rimasti feriti e sono stati portati in ospedale, ma fortunatamente non sono in gravi condizioni. L'esplosione è avvenuta in una macelleria in via Santa Lucia, nella zona di Sant'Antonio, parte alta della città.

I feriti

Vigili e agenti sono stati portati al pronto soccorso del Grande Ospedale Metropolitano per le cure del caso. Secondo le prime informazioni trapelate, i pompieri sono stati dimessi stamattina con prognosi tra i cinque e i venti giorni. Hanno riportato qualche ferita e contusioni. Anche i poliziotti sono stati già dimessi dopo le cure del caso in ospedale. A dar notizia delle condizioni dei feriti gli stessi vigili del fuoco, tramite il loro profilo Twitter. “Notizie confortanti da Reggio Calabria, prognosi tra i 5 e i 20 giorni per i cinque vigili del fuoco coinvolti nell’esplosione di stanotte. Nulla di grave anche per i due colleghi della Polizia di Stato. A tutti, gli auguri di pronta guarigione del capo del Corpo Fabio Dattilo”, si legge in un successivo tweet dei vigili del fuoco. L'esplosione, molto violenta, ha danneggiato anche il camion dei Vigili del fuoco. Indagini in corso per ricostruire le esatte cause che hanno determinato il rogo e poi la successiva esplosione nel locale commerciale di Reggio Calabria. Solo alcune settimane fa a Quargneto, in provincia di Alessandria, nell'esplosione in una cascina, sono morti tre vigili del fuoco tra i quali Antonino Candido che era di Reggio Calabria.
   

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.