Due ciclisti travolti e uccisi da un'auto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:52

Due ciclisti di sessant'anni sono stati travolti e uccisi da un'auto. È accaduto nel Bresciano lungo la strada che da Pontevico porta a Verolanuova, all'altezza del cimitero. L'automobilista, un uomo di quarant'anni di Verolanuova, sarebbe stato accecato dal sole e ha colpito in pieno le due biciclette. I due ciclisti sono morti sul colpo. Questa mattina a Peschiera Borromeo (Milano) tre persone sono rimaste ferite in uno scontro avvenuto tra un autobus di linea e un'automobile. Lo schianto si è verificato attorno alle 7 sulla strada Paullese, all'altezza di via Aldo Moro, nella frazione di Bettola. Per cause ancora da chiarire un bus di Autoguidovie con a bordo 15 persone si è scontrato con una Opel station wagon. Diverse le persone contuse, mentre sono tre i feriti: si tratta di tre uomini di 18, 30 e 54 anni. Il più grave, secondo quanto riferito dai soccorritori, sarebbe il 54enne. L'uomo è stato trasportato d'urgenza all'ospedale San Gerardo di Monza: le sue condizioni sono serie ma non sarebbe in pericolo di vita.

Il precedente

Cinque giorni un filobus della linea 90/91, non fermandosi al semaforo rosso, si è schiantato contro il camion dell’Amsa (che transitava con il verde) all’incrocio tra viale Bezzi e via Marostica a Milano. Le immagini registrate da una telecamera sabato mattina hanno confermato l'errore umano da parte dell'autista che, secondo una passeggera testimone, si sarebbe distratto alla guida perchè era al telefono. Nello scontro era morta una donna, Shirley Ortega Calangi, una passeggera sbalzata fuori dal filobus. La donna di origine filippina di 49 anni è deceduta domenica mattina al Policlinico di Milano. Lo scontro ha causato anche 11 feriti, tutti ricoverati in ospedale ma non in condizioni gravi. 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.