Droga, maxi sequestro tra Toscana e Lombardia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:57

[cml_media_alt id='8435']droga[/cml_media_alt]Un traffico internazionale di droga operativo da tempo in Emilia, Toscana, Lazio, Liguria ed Olanda. Era gestito da tre albanesi, e nello smercio di marijuana, cocaina, hashish e Mdma, coinvolgeva 94 persone; ma una di queste non ha rispettato il silenzio, permettendo alla Guarda di Finanza, su disposizione del gip di Firenze e Milano e richiesta dei pm Suchan e Monferini della Dda fiorentina, di arrestare 36 responsabili dello smercio illegale. L’uomo, muratore italiano residente in Svizzera, è stato fermato ieri dalle Fiamme Gialle presso un casello dell’A1 di Calenzano; aveva con sé 10 chili di cocaina e una volta arrestato ha deciso di collaborare.

L’indagine andava avanti da quattro anni ed aveva visto la denuncia di ben 69 persone. Nelle mani delle forse dell’ordine sono finite due tonnellate di droga e beni mobili ed immobili dal valore di due milioni di euro. Secondo quanto affermano gli investigatori del Gico, gli albanesi che gestivano l’organizzazione erano residenti ad Amsterdam e trasportavano le sostanze su tir che poi raggiungevano le basi della Toscana e del varesotto. I centri di stoccaggio e smistamento erano nelle province di Prato, Livorno e Firenze, e da qui la droga veniva passata ai baby-spacciatori al dettaglio. Corrieri e pusher, italiani e albanesi, venivano reclutati in Inghilterra, Italia, Belgio e Olanda, e portavano anche 20 chili di stupefacenti per volta. Per Giuseppe Creazzo, procuratore di Firenze, “l’organizzazione era responsabile di un importante traffico che investiva tutto il continente europeo”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.