Disordini a Strasburgo: manifestante ferito alla fronte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:38

Nuovi disordini e “diversi feriti” si registrano a Strasburgo, durante una manifestazione in strada dei gilet gialli. Da quanto si apprende, un uomo è stato ferito alla fronte durante il corteo. Lo riferisce la tv France 3. Ai partecipanti è stato impedito di entrare in alcune zone del centro storico e nei dintorni delle istituzioni europee. Nella città francese, nei pressi della sede dell'Europarlamento, la polizia ha lanciato a più riprese gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti, che da diversi punti hanno cercato di avvicinarsi alle sedi delle istituzioni europee. Secondo la prefettura, i manifestanti erano all'incirca 2.000.

Parigi

Non ci sono stati problemi invece a Parigi durante le due distinte manifestazioni della capitale.  Quella denominata “marcia sui media” è stata un flop. I pochi partecipanti hanno prima sostato sotto il grattacielo di TF1, poi sono passati davanti a Canal Plus, quindi davanti a France Televisions, la tv pubblica gridando slogan contro il presidente francese Emmanuel Macrone e contro i media locali. La manifestazione ha poi sostato davanti alla redazione di BFM-TV, spesso accusata di dare uno spazio sproporzionato alle manifestazioni dei gilet gialli, tutte seguite in diretta dall’inizio alla fine, con dibattiti prima, durante e dopo. Alla fine, il corteo si è fermato davanti alla sede del CSA, il Consiglio superiore dell’Audiovisivo, chiedendo – invano – di essere ricevuta dal presidente. Il corteo si è sciolto sotto la pioggia e – riferiscono fonti locali – una buona parte dei partecipanti ha lasciato il CSA per dirigersi all'altro corteo, quello di place de la Republique, dove si è registrata un'affluenza maggiore ma senza tuttavia feriti o disordini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.