CEFALÙ, COPPIA AGGREDITA DAI CINGHIALI: MUORE IL MARITO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:15

Marito e moglie in vacanza a Cefalù sono stati aggrediti dai cinghiali. L’uomo, Salvatore Rinaudo di 77 anni originario del luogo è morto, mentre Rosa Rinaudo, di 73 ha diverse ferite su tutto il corpo ma è cosciente.

I due si trovavano nella loro casa in campagna, in contrada Ferla sulle colline, quando Salvatore per mettere in salvo i cani è stato assalito dal branco ed è caduto. La moglie, che cercava di proteggerlo e riportarlo in casa, è stata a sua volta aggredita.

La presenza dei cinghiali sul territorio è nettamente in crescita e il fenomeno è stato da tempo segnalato da alcuni sindaci della zona: “Un disastro annunciato da tempo – dice il presidente del Parco delle Madonie Angelo Pizzuto – nonostante le reiterate richieste il legislatore non ha ancora preso gli idonei provvedimenti. Ora il tempo è scaduto”.

 “Siamo colpiti e profondamente addolorati per quanto accaduto questa notte – scrive il primo cittadino di Cefalù –   ma anche molto arrabbiati. Da tempo chiediamo che la Regione vari una legge per l’abbattimento controllato di una fauna, quella dei suidi, che, cresciuta a dismisura, danneggia le colture e, sopratutto, incute timore negli abitanti. Più incontri si sono succeduti, su nostra richiesta in Prefettura, ed è dell’ottobre scorso l’audizione, presso la IV Commissione ARS del Presidente dell’Ente Parco Madonie, che ,a nome dei Sindaci, ribadiva la richiesta di misure urgenti, per permettere l’abbattimento degli animali”.

Salvatore Rinaudo è la seconda vittima dei cinghiali in tre mesi, solo il 22 maggio scorso un episodio simile si verificò a Iseo, nel Bresciano dove Severo Zatti di 72 anni ha perso la vita in seguito all’assalto dell’animale che si trovava nei pressi della sua casa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.