Baby gang aggredisce autista dell'Atac

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

Baby gang aggredisce autista dell'Atac: è successo nella tarda serata di ieri a Roma, intorno alle 23.30 in via Boccea, periferia nord della capitale, a bordo di un bus della linea 46. L'autista è stato aggredito da un gruppetto di otto ragazzi a Roma. A quanto ricostruito finora, durante il tragitto i giovani hanno messo in azione la leva di emergenza delle porte e quando il conducente è uscito dalla cabina, forse dopo averli rimproverati, lo hanno picchiato colpendolo al volto con diversi pugni. Il conducente dell’Atac, 52 anni, è crollato sul pavimento del bus con il volto insanguinato e privo di sensi. Soccorso dal 118, è stato ricoverato al Policlinico Gemelli con 30 giorni di prognosi per la frattura del setto nasale. Non ricorda ancora bene quello che è successo. Dopo aver picchiato l'uomo gli aggressori si sono dati alla fuga. Uno di loro, un 17enne, è stato rintracciato dalla polizia e denunciato a piede libero per lesioni e interruzione di pubblico servizio. Indagini in corso da parte del commissariato Monte Mario per rintracciare gli altri giovani autori del pestaggio.

Tolleranza zero

“Esprimo solidarietà all'autista del bus della linea 46 aggredito di ieri sera in via Boccea da un gruppo di otto ragazzi. Sono episodi inaccettabili e vergognosi, Roma non tollera la violenza”. E' il  commento della sindaca Virginia Raggi pubblicato sul proprio profilo Twitter dopo la diffusione della notizia. Da parte sua. l'azienda Atac ha subito manifestato solidarietà all’autista aggredito dai teppisti condannando con fermezza l’episodio che ha visto come vittima un altro conducente di mezzi pubblici. Come ricorda il Corriere della Sera, quella di ieri notte è solo l’ultima aggressione ad autisti di mezzi pubblici fra Atac e Tpl nella Capitale. Secondo i dati degli ultimi anni sono circa una quarantina ogni dodici mesi gli autisti picchiati durante il servizio nella Capitale senza contare quelli solo spintonati e i più numerosi insultati dall’utenza per motivi di viabilità.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.