La Federcalcio portoghese: “Cristiano Ronaldo positivo al coronavirus”

La nota della Federazione lusitana conferma quanto già affermato da "La Bola". CR7, asintomatico, è il terzo calciatore del Portogallo positivo, dopo José Fonte e Anthony Lopes

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

Dopo Zlatan Ibrahimovic, positivo e poi guarito, tocca a un altro fuoriclasse la sfida più dura: la Federcalcio portoghese ha infatti comunicato che il capitano della nazionale lusitana, Cristiano Ronaldo, è risultato positivo al coronavirus. La notizia, già anticipata dal giornale portoghese “A Bola”, è stata quindi confermata dalla Federazione, giusto alla vigilia del match di Nations League contro la Svezia. CR7, spiega, “è asintomatico e in isolamento”. Si tratta del terzo caso di positività all’interno della nazionale campione d’Europa e di Nations League in carica, dopo José Fonte del Lille e il portiere Anthony Lopes, dell’Olympique Lione.

Il nuovo calendario di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo era stato posto in isolamento fiduciario, assieme a tutta la Juventus, dopo la riscontrata positività di due membri dello staff bianconero. Domenica scorsa era regolarmente sceso in campo nel pareggio a reti bianche contro la Francia. Salterà, invece, la partita dell’Alvalade contro gli svedesi. Per quanto riguarda la Juve, CR7 non ci sarà per la sfida di sabato contro il Crotone. E, quasi sicuramente, per il debutto in Champions League contro la Dinamo Kiev. La speranza è di recuperarlo per il match contro il Verona del 25 ottobre. Anche perché c’è da considerare poi il big match del 28 contro il Barcellona di Leo Messi. Saranno comunque necessari i 10 giorni di isolamento e, da regolamento, un tampone negativo per poter rientrare in gruppo per gli allenamenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.