Covid center del Campus Biomedico si aggiunge al polo regionale della lotta al virus

"Così vogliamo intensificare il nostro contributo per superare questo momento" ha dichiarato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:55
pandemia

 

La regione Lazio amplia la rete regionale per la lotta al Coronavirus. “Al Policlinico Campus Biomedico di Roma oggi apre il Covid Center dedicato ai pazienti affetti da Covid-19. Il reparto avrà a disposizione 9 posti letto di terapia intensiva e 31 posti ordinari di cui 7 di terapia intensiva entro il 20 aprile”. Lo rende noto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

Bisogna garantire assistenza medica

“Così vogliamo intensificare il nostro contributo per superare questo momento di emergenza nazionale e nello stesso tempo vogliamo garantire il massimo della sicurezza a pazienti e personale. Per questo, in continuità con le misure #OspedaleSicuro già in vigore, sono stati attivati percorsi protetti per i pazienti, non contagiati dal virus, che hanno bisogno di cure non rinviabili”, si legge sulla pagina Facebook del Campus Biomedico. La struttura farà parte dell’Area e della rete regionale dedicata a Covid-19: il centro di questa area è il Covid 1 Hospital Spallanzani e le strutture di appoggio sono l’ospedale militare del Celio, Covid 3 Casal Palocco, l’ospedale San Camillo, l’ospedale Israelitico, l’ospedale Grassi di Ostia e, per l’appunto, il Campus Biomedico. Proprio il laboratorio del Campus Biomedico è inoltre il punto di riferimento per i tamponi dell’Asl Roma 6 per la ricerca del nuovo coronavirus.

Tra i laboratori Covid19 anche Genzano di Roma

La Regione Lazio, inoltre, ha comunicato che verranno inseriti nella rete anche i laboratori del vecchio ospedale di Genzano di Roma, così come chiesto dalle amministrazioni comunali del Castelli Romani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.